6.2 C
Parma
giovedì, Ottobre 28, 2021
Pubblicità

“Se il Guru non va alla montagna, allora la montagna va al Guru”, rassegna a cura dell’Associazione Cerbiatto Ribelle

di Redazione #Parma twitter@parmanotizie #appuntamenti

 

Prenderà avvio sabato 30 marzo la rassegna di eventi “Se il Guru non va alla montagna, allora la montagna va al Guru”, promossa dall’Associazione Cerbiatto Ribelle, con il patrocinio del Comune di Parma, Assessorato al Welfare, realizzata in collaborazione con Assistenza Pubblica Parma, ANMIC Parma, Parma Welfare – Comunità e Persone al Centro, Il Lago di Pane onlus, Gruppo Alpini di Parma, Oltretutto Oltretorrente, Fondazione Munus, Le monadi, Asini nel Cuore e OKKO.

La rassegna è stata presentata, questa mattina nel corso di una conferenza stampa, dall’Assessore al Welfare del Comune di Parma, Laura Rossi; da Emma Tassi Carboni, Presidente dell’Associazione Cerbiatto Ribelle e da Gaetano Cavarretta di Fondazione Munus, alla presenza di diversi soggetti coinvolti.

“Il Comune ha accolto con slancio la richiesta di patrocinio della rassegna – ha spiegato l’Assessore Laura Rossi – in quanto si tratta di un progetto emblematico che vede protagonista la società civile a casa di Giorgio Foglia. La sua casa diventa, in questo, modo un luogo per costruire relazioni”.

Emma Tassi Carboni, presidente dell’Associazione Cerbiatto Ribelle, ha raccontato la storia del marito, Giorgio Foglia, colpito da sclerosi multipla primaria progressiva e costretto in un letto. E’ stato soprannominato Guru, in quanto riflessivo ed allo stesso tempo sobrio e concreto. Da qui il nome la rassegna. “Le relazioni sono fondamentali – ha spiegato Emma Tassi Carboni – e la rassegna vuole promuovere questo tipo di discorso che ha anche un valore di cura, con il recupero della dimensione umana. La rassegna ha preso spunto dall’esempio di Punti di Comunità luoghi di scambio e di crescita che sono sorti nei diversi quartieri, grazie a volontari a servizio ed in relazione con la gente”.

Gaetano Cavarretta di Fondazione Munus ha rimarcato come Munus sia una fondazione di comunità che si impegna a fare sì che i sogni diventino realtà, come nel caso di Giorgio Foglia e della rassegna pensata dall’Associazione Cerbiatto Ribelle. “Saremo al vostro fianco in questo progetto – ha concluso – vogliamo essere presenti per essere testimoni e dare risposte a sogni e bisogni, portando nelle comunità uno spirito nuovo”

La rassegna di eventi trae la sua origine dall’attività che l’Associazione Cerbiatto Ribelle pone al centro: la cura della persona, la promozione di una cultura incentrata sul valore del limite e sull’idea di diversità come risorsa, attraverso la promozione di una cultura di connessione solidale tra i vari soggetti coinvolti: medici, pazienti, caregivers e terapisti. Al centro della propria azione la priorità è data allo scambio diretto delle persone, anche attraverso la progettazione dello spazio accessibile e bello come elemento essenziale della cura. Pagina Facebook: www.facebook.com/cerbiattoribelle/.

Scopo della rassegna è fare nascere un “movimento” partendo dall’esperienza di Giorgio Foglia, 56 anni, ammalato di Sclerosi multipla primaria progressiva, con mobilità ridotta e forti limitazioni che lo obbligano a spostarsi in barella. Giorgio, nel 2017, ha compiuto un viaggio a Auschwitz esaudendo un suo desiderio, nel corso del viaggio è stato girato il docufilm “Desiderio antico”. Per la famiglia e gli amici Giorgio è diventato il Guru: sia per la sua naturale propensione alla riflessione ed alla sobrietà, sia per la sua collocazione su una specie di divano letto volante al quinto piano di un appartamento in Oltretorrente a cui si accede solo con una scala.

In questo caso la parola “movimento” assume diversi significati in quanto la parola movimento è centrale per esempio per il fatto che se ci si vuole occupare di qualcuno è necessario andare verso di lui, spostarsi, muoversi. La vita stessa è movimento e mutamento continuo. Per Giorgio questa parola ha assunto il significato di scambio, per avere il coraggio di vedere altro e oltre la propria malattia anche attraverso un piccolo movimento. Per questo è stata pensata una serie di eventi che si svolgerà prevalentemente “A casa del Guru”, cioè l’abitazione di Giorgio Foglia, che è anche la sede dell’Associazione Cerbiatto Ribelle, con alcune varianti con la rassegna speciale “Il Guru in tour” per cui sono previsti appuntamenti in esterno.

 




 

 

(14 marzo 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 


 

 

Related Articles

Stay Connected

4,635FansMi piace
2,381FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

Latest Articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: