Home » Copertina Parma » Aggressione in stazione ad un 27enne. Polemico l’assessore Casa: “Salvini ci ha sempre rifiutato un presidio fisso nella zona”

Aggressione in stazione ad un 27enne. Polemico l’assessore Casa: “Salvini ci ha sempre rifiutato un presidio fisso nella zona”

di Redazione #Parma twitter@parmanotizie #Sicurezza

 

Nei giorni scorsi di è verificata un’aggresisone ad un 27enne in stazione a Parma da parte di un gruppo di pusher. Il commento dell’assessore alla Sicurezza Cristiano Casa è un forte attacco politico al ministro dell’Interno che a parole predica sicurezza ma nei fatti nega i presidi fissi alle città che ne fanno richiesta.

“L’aggressione in stazione è un fatto senza precedenti, lo Stato una volta per tutte deve rispondere con fermezza. Ricordo bene quando al ministro Salvini avevamo chiesto un presidio fisso dell’esercito in zona stazione: ci aveva risposto picche. Questa è la conseguenza di quell’atto. Se oggi ci fosse un presidio fisso h24 probabilmente non ci sarebbe stata nessuna aggressione. A livello locale si sta facendo tutto il possibile con le sole forze a disposizione, grazie alla straordinaria sinergia tra Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Comune, insieme alla Polizia Municipale. Il presidio in stazione lo abbiamo attivato noi con la Polizia Municipale per alcune ore del giorno e le altre forze dell’ordine in occasione di alcuni eventi particolari. Abbiamo attivato convenzioni con i volontari in congedo della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, abbiamo coinvolto la cittadinanza attivando fino a 28 gruppi di controllo di vicinato, stiamo continuando ad installare sistemi di videosorveglianza nelle zone più critiche della città. Ogni santo giorno siamo sul territorio per sopperire alle mancanze dello Stato. Ma mi chiedo perché chi ci governa non si muova ad espellere con più velocità gli irregolari sul territorio.”

Continua poi Cristiano Casa ponendo una serie di quesiti che, è un parere giornalistico, meriterebbero risposte serie e senza ironie di dubbio gusto: “Che cosa state aspettando? Che cosa state aspettando a fare leggi più efficaci contro chi spaccia morte per le nostre strade? Che cosa state aspettando a darci più unità di forze dell’ordine oltre a quelle già garantite dall’ex ministro Minniti? Sono le domande che continuiamo a porre a questo governo, che è lì per tutelare la sicurezza degli italiani e dei parmigiani. Noi nel frattempo continueremo a fare il nostro, come facciamo tutti i giorni, ma pretendiamo che lo Stato torni a fare lo Stato. Basta scuse” chiosa Casa “e soprattutto basta chiacchiere!”.

Difficile dargli torto.

 




(4 gennaio 2018)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: