Home » Copertina Parma » Al Cinema Astra torna “I Love ‘700”, rassegna di cinema in costume

Al Cinema Astra torna “I Love ‘700”, rassegna di cinema in costume

di Redazione #Parma twitter@parmanotizie #Cultura

 

Dopo il felice riscontro della precedente edizione (Effimero sovrano,  prima rassegna di cinema in costume a Parma), che ha visto quasi 2000 presenze tra proiezioni cinematografiche ed eventi collaterali, l’ Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma, l’associazione culturale Il Cavaliere Blu e il Comune di Parma – Assessorato alla Cultura con il Cinema Astra organizzano, a distanza di un anno, una seconda rassegna dedicata al cinema in costume, che si chiuderà nel 2020, quando Parma sarà Capitale italiana della Cultura.

Il tema proposto questa volta è il Settecento, secolo di cambiamenti così profondi in ambito artistico, culturale e antropologico, da traghettare la civiltà occidentale, e non solo, verso l’era contemporanea. Ideata e curata dall’accademico e consigliere di presidenza dell’Accademia Alessandro Malinverni, con gli accademici e consiglieri Carlo Mambriani e Alberto Nodolini, la rassegna si sviluppa attorno a tre film e a otto eventi collaterali pensati per un vasto pubblico. I film permettono di approfondire numerosi aspetti del Secolo dei Lumi: arte (dalla pittura all’architettura), moda, cultura, politica, attraverso lo sguardo di tre celebri registi (Miloš Forman, Eric Rohmer, Nicholas Hytner). Il primo film “Amadeus” sarà a ingresso libero: un’occasione unica per vedere una versione restaurata del film vincitore di 8 premi Oscar. Si tratta infatti della versione  “Director’s cut”, con scene inedite, nuovo doppiaggio e nuove musiche.  Le altre due pellicole sono ispirate a una celebre pièce teatrale di Alan Bennet (La pazzia di re Giorgio – ambientato alla corte del re d’Inghilterra) e alle memorie di Lady Greca Elliot  ( La nobildonna e il duca – ambientato nella Parigi della Rivoluzione Francese).

Gli incontri collaterali mirano ad approfondire gli aspetti storico-artistici trattati nei film, con uno sguardo rivolto soprattutto al patrimonio del territorio: i partecipanti visiteranno le collezioni settecentesche della Pinacoteca Stuard, di Palazzo Bossi Bocchi e dell’Accademia  Nazionale di Belle Arti con tre guide d’eccezione: lo stesso Malinverni, Francesca Magri e Carlo Mambriani.

Un incontro presso il convitto Maria Luigia vedrà Diego Saglia, Francesca Dosi, Carlo Mambriani e Alessandro Malinverni dialogare sui film proiettati al cinema Astra.

Chiudono la rassegna un concerto in S. Maria del Quartiere, a cura di Salotti Musicali Parmensi, e due viaggi (a Roma e a Monaco di Baviera) promossi dal Centro Studi e Valorizzazioni della Residenze Ducali di Parma e Piacenza, per approfondire ulteriormente la musica, l’architettura e le arti decorative del secolo dei Lumi.

La rassegna vede la collaborazione di numerose istituzioni culturali e associazioni del territorio: Fondazione Cariparma, Delegazione FAI di Parma, Convitto Nazionale “Maria Luigia” di Parma, Circolo di Lettura di Parma, Centro studi e valorizzazione Residenze ducali di Parma e Piacenza, Circolo “Maria Luigia” di Piacenza, Salotti musicali parmensi.

 

Programma completo
Proiezioni – Cinema Astra, ore 15.00
Introduzione ai film a cura di Alessandro Malinverni

Sabato 12 ottobre Amadeus (Director’s cut) di Miloš Forman (USA 1984)
In un manicomio di Vienna, 32 anni dopo la morte di Mozart, Antonio Salieri ne ripercorre la carriera dal giorno il cui lo incontra poco più che ventenne alla corte dell’Imperatore Giuseppe II d’Austria. Ma Salieri racconta anche le circostanze della sua prematura morte…

Sabato 19 ottobre La pazzia di re Giorgio di Nicholas Hytner (Gran Bretagna 1994)
Finemente giocato sulla migliore ironia britannica, il film (adattato da un testo teatrale) racconta le vicende di re Giorgio III, vittima di una malattia nervosa che lo porta ad alternare lucidità e follia. E, se il re non è affidabile, si deve cercare un successore, il che scatena strategie sotterranee tra i rivali per la corsa al trono.

Sabato 26 ottobre La Nobildonna e il Duca di Eric Rohmer (Francia 2001)
Durante la rivoluzione francese una bella dama inglese Grace Elliot, fedele al sovrano, intrattiene rapporti affettuosi, ma a volte anche tempestosi, con il cugino del Re Luigi XVI, il duca di Orléans che, invece, sta dalla parte dei rivoluzionari. Il duca, divenuto il deputato “Egalité”, si farà convincere dalla nobildonna a salvare un proscritto ma non a risparmiare la vita del Re.

 

Eventi Collaterali

  • Venerdì 18 ottobre, Pinacoteca Stuard, ore 16.00, visita guidata con Alessandro Malinverni alle opere del Settecento. Ingresso libero;
  • Giovedì 24 ottobre, Fondazione Cariparma, ore 17.00, visita guidata alle collezioni del Settecento, a cura di Francesca Magri e Carlo Mambriani. Ingresso libero;
  • Domenica 10 novembre, Chiesa di S. Maria del Quartiere, ore 17.00 Classicità e Romanticismo: il divenire dell’Armonia,  concerto dell’Orchestra da Camera di Parma. A cura di Salotti Musicali Parmensi nell’ambito del Festival delle Divine Armonie. Info: salottimusicaliparmensi@gmail.com.
  • Giovedì 21 novembre, Accademia Nazionale di Belle Arti, ore 17.00 visita guidata alle collezioni del Settecento, a cura di Alessandro Malinverni e Carlo Mambriani. Ingresso libero
  • Martedì 26 novembre, Teatro del Convitto Maria Luigia, ore 18.00 incontro dedicato a “La pazzia di re Giorgio” e a “La nobildonna e il duca” con Francesca Dosi, Diego Saglia, Carlo Mambriani e Alessandro Malinverni. Ingresso libero
  • Da Giovedì 20 a domenica 23 febbraio 2020 Roma Magnifica,  viaggio a cura del Centro Studi e Valorizzazione delle Residenze Ducali di Parma e Piacenza.
  • Da Giovedì 9 a lunedì 13 aprile 2020 Monaco e i suoi gioielli, viaggio alla scoperta dei principali musei e delle residenze della capitale bavarese, a cura del Centro Studi e Valorizzazione delle Residenze Ducali di Parma e Piacenza.

 

(9 ottobre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

 

 

 

 

 





 

 

 




Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: