35.5 C
Parma
martedì, Luglio 5, 2022
Pubblicità

Parma, 11 maggio: incontro sul Diritto alla Vita della foresta dell’Amazzonia e dei suoi popoli

Ultimi articoli

Share

di Redazione Parma

Mercoledì 11 maggio, dalle 11 nell’Aula della Bandiera (Palazzo Centrale dell’Ateneo, via Università 12), si terrà l’incontro “AMAzzonia: il diritto alla vita di una foresta e dei suoi popoli”, organizzato dall’Università di Parma in collaborazione con l’associazione onlus Cospe-Together for change e Rede Unida.

L’incontro sarà aperto dai saluti di Sara Rainieri, Pro Rettrice alla Didattica dell’Ateneo, di Eleonora Migno, Vice Direttrice Cospe, e di Tulio Baptista Franco, Coordinatore Generale di Rede Unida.

Con questo evento, gli enti organizzatori intendono contribuire, alla luce di quanto è stato osservato e descritto in questo tempo pandemico, a promuovere un approccio g-locale alla salute e al benessere sociale, come frutto di determinanti sociali, economici, ambientali e di interconnessioni globali. Nei recenti documenti dell’OMS si afferma molto chiaramente questa prospettiva One Health: viviamo all’interno di un sistema di cui fanno parte persone, animali, piante, in generale l’ambiente in cui tutti siamo immersi. Non ci sono quindi soltanto gli individui nelle comunità: la salute del pianeta, del vivente, di tutti i suoi abitanti deve trovare spazio e avere pari dignità. Ciò che avviene in Amazzonia, quindi, riguarda tutti noi. La deforestazione e l’assalto delle economie predatrici minacciano l’integrità dei suoi ecosistemi, la vita delle sue comunità e la vita nelle comunità di ogni parte del pianeta.

La presenza di Adriano Karipuna, leader nativo del popolo Karipuna di Rondonia (Brasile), figura simbolo della resistenza dei popoli indigeni dell’Amazzonia, testimonia l’importanza di dispositivi in grado di creare alleanze che rifiutano l’idea di superiorità e separatezza degli esseri umani rispetto alle altre forme di vita, per dare nuovamente un valore alle nostre esistenze connesse.

Questo incontro è parte di un più vasto cammino di cooperazione e co-riflessività, svolto da comunità poste in punti diversi del globo, che è stato chiamato SONHAÇÃO/SOGNAZIONE e che vede tre territori della Regione Emilia-Romagna e del Brasile gemellati per generare “sogni in azione”: Parma/Manaus, Modena/Espírito Santo, Bologna/Mossorò. Sono già attivi percorsi di didattica sperimentale che coinvolgono studenti dell’Università di Parma con operatori sociali e sanitari italiani, da un lato, e studenti e operatori brasiliani, dall’altro lato (si veda il Laboratorio Aperto sulla Globalizzazione “Farsi comunità g-locale” – coordinamento Vincenza Pellegrino, facilitazione Maria Augusta Nicoli). A questo, seguiranno altre iniziative di diffusione e sensibilizzazione su questi temi, tra cui una mostra itinerante in preparazione sulla micro-politica nelle pratiche quotidiane di cura e la democrazia.

 

 

(6 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: