27.9 C
Parma
martedì, Maggio 24, 2022
Pubblicità

Controlli dei NAS di Parma da Piacenza a Sassuolo, sanzioni e sequestri

Ultimi articoli

Share

di Redazione Parma

Recentemente, i Carabinieri del NAS di Parma hanno svolto controlli mirati a garantire la sicurezza alimentare e la tutela della salute dei consumatori, ispezionando numerose attività di vendita e somministrazione di alimenti.

A Piacenza, presso un’attività di ristorazione sono state rilevate alcune irregolarità, ossia carenze igienico sanitarie all’interno sia del locale cucina che del locale deposito, dovute alla presenza di sporco diffuso sulla pavimentazione, ragnatele sulle pareti e mancanza di alcuni pannelli nel controsoffitto. È stato riscontrato anche l’omesso aggiornamento del menù ed in particolare l’indicazione dettagliata degli ingredienti e degli allergeni per ogni tipologia di pietanza. Il legale rappresentante dell’attività è stato diffidato, entro 30 giorni, a ripristinare le idonee condizioni igienico sanitarie dei locali e a curare l’aggiornamento del menù con l’indicazione dettagliata degli ingredienti e degli allergeni.

A Correggio (RE), presso un’attività di ristorazione, i militari del nucleo parmigiano hanno rilevato carenze igienico sanitarie all’interno dei locali dispensa, cucina e servizi igienici, dovute alla presenza di sporco diffuso sui pavimenti, sulle pareti e sui soffitti. Per le criticità rilevate, al legale rappresentante del ristorante è stato emesso l’istituto della diffida volto al ripristino, entro 30 giorni, di idonee condizioni igienico sanitarie.

A Sassuolo (MO), presso un’attività di ristorazione, personale del nucleo antisofisticazioni e sanità emiliano ha sequestrato circa 60 kg di prodotti alimentari vari (carne e verdure essiccate), del valore commerciale 1000 euro circa, poiché rinvenuti, nei locali di lavorazione e stoccaggio, in involucri privi di indicazioni obbligatorie afferenti la loro rintracciabilità. I militari hanno anche rilevato carenze igienico sanitarie all’interno del locale cucina dovute alla presenza di sporcizia vetusta, residui di preparazioni alimentari e promiscuità di alimenti (prodotti ortofrutticoli, pesce e preparazioni alimentari crude e cotte). Al legale rappresentante dell’attività è stata comminata una sanzione  amministrativa di 2.000 euro ed è stata emessa una diffida volta al ripristino di idonee
condizioni igienico sanitarie dei locali. I Carabinieri del NAS, insieme a personale del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL Modena intervenuto sul posto, hanno proceduto altresì all’immediata sospensione della sola attività di “somministrazione di preparazioni a base di pesce crudo”, poiché sono state accertate irregolarità nella gestione della rintracciabilità per la produzione e la somministrazione delle stesse.

 

(7 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: