35.5 C
Parma
martedì, Luglio 5, 2022
Pubblicità

Parma. Il 20 maggio webinar sul “riuso neurale” con Michael Anderson

Ultimi articoli

Share

di Redazione Parma

Si terrà venerdì 20 maggio alle 17 su piattaforma Teams il webinar Neural reuse, dynamics, and constraints: Getting beyond componential mechanistic explanation of neural function organizzato dal Laboratorio Interdipartimentale Neuroscience & Humanities con il Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese culturali dell’Università di Parma. Ospite sarà Michael Anderson, della Western University (Canada).

In questo webinar Michael Anderson passerà in rassegna alcune delle prove del riuso neurale – una forma di plasticità neurale per cui le risorse neurali esistenti sono destinate a molti usi diversi – e le utilizzerà per sostenere che dobbiamo andare oltre (anche se non necessariamente abbandonare) la spiegazione meccanicistica componenziale nelle neuroscienze. Si sosterrà che ciò che è necessario per catturare l’intera gamma di plasticità e dinamiche neurali è uno stile di spiegazione basato sulla nozione di vincoli – in particolare vincoli abilitanti. Saranno forniti esempi di fenomeni neurali che sono difficili da spiegare nel quadro meccanicistico, mostrando che sono naturalmente gestiti da vincoli abilitanti.

Michael L. Anderson è Rotman Canada Research Chair in Philosophy of Science al Dipartimento di Filosofia della Western University, Canada.

La ricerca di Michael L. Anderson si trova all’intersezione della psicologia, delle neuroscienze, dell’informatica e della filosofia della scienza cognitiva, ed è apparsa in riviste come Artificial Intelligence, AI Magazine, Behavioral and Brain Sciences, Connection Science, Journal of Cognitive Neuroscience, NeuroImage, The Neuroscientist, Philosophical Psychology, Synthese e Topics in Cognitive Science.  Il suo libro più recente After Phrenology: Neural Reuse and the Interactive Brain (MIT Press, 2014) delinea un nuovo quadro per comprendere l’organizzazione funzionale complessiva del cervello, colloca la sua funzione nel contesto evolutivo, e dimostra come i meccanismi originariamente evoluti per il supporto della coordinazione sensomotoria sono stati cooptati per facilitare il linguaggio e la matematica. Anderson è stato un borsista 2012-13 al Center for Advanced Study in the Behavioral Sciences, all’Università di Stanford. Questo il link per partecipare al webinar.

 

(18 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: