Home » Copertina Parma » “Temporary Signs”, terza open call di Parma 2020

“Temporary Signs”, terza open call di Parma 2020

di Redazione #Parma twitter@parmanotizie #Parma2020

 

Si presenta oggi la terza delle open call del Dossier di Parma 2020, “Temporary Signs”, promossa dal Comune di Parma in partnership con l’assocazione GAI – Giovani Artisti Italiani, e con la collaborazione di BJCEM, e rivolta ad artisti under 35 su tutto il territorio nazionale.

Presenti al tavolo, in qualità di relatori: Michele Guerra, assessore alla Cultura del Comune di Parma, Marco Giusta, presidente del GAI e assessore alle Politiche giovanili, multicultura e Politiche delle Famiglie della Città di Torino e  Francesca Velani, coordinatrice progetti Parma 2020.

“A questa terza open call – ha introdotto l’assessore alla Cultura Michele Guerra teniamo in modo particolare: una opportunità significativa per i giovani artisti di reinterpretare luoghi dei quartieri della nostra città. Una call che abbiamo voluto e costruito insieme a Gai, nell’ambito di quel sistema di collaborazioni che stiamo creando e che saranno una preziosa eredità per il futuro”.

A spiegare nel dettaglio il bando è intervenuta Francesca Velani, coordinatrice progetti Parma 2020, che ha sottolineato: “obiettivo del bando è favorire la presenza del contemporaneo nel tessuto urbano, attraverso dei “temporary signs” che non solo offrano inedite configurazioni di luoghi storicamente, socialmente o antropologicamente connotati, ma che creino le condizioni per nuove forme di fruizione e nuove articolazioni di sguardo e visione”. Un progetto di riscrittura ambientale, quindi, che vuole porre in dialogo i giovani artisti con la città e il suo tessuto socio culturale attraverso opere site-specific.

La call, da oggi online sul portale istituzionale del Comune di Parma, è aperta ai giovani creativi (artisti visivi, architetti, designer, sound artist, grafici, illustratori, etc) singoli o riuniti in gruppo, di età compresa tra 18 e 35 anni e di nazionalità italiana o stranieri residenti in Italia da almeno 1 anno.

Le proposte, da allegare alla domanda di ammissione, dovranno contenere titolo e concept dell’opera, da due a sei tavole A3 che illustrino l’opera, progetto tecnico, budget previsionale e presentazione e dovranno pervenire entro le 17 del 31 gennaio 2020.

Saranno selezionati un minimo di tre e un massimo di sette progetti, i referenti dei quali dovranno svolgere un periodo di residenza in loco dal 13 al 19 aprile, per la ricerca e la produzione, e un secondo periodo, da due giorni a una settimana, per l’installazione dell’opera, da realizzarsi entro il 31 maggio. L’importo massimo complessivo stanziato per i premi è di 70.000 euro, con un premio minimo di 6.000 euro, che include la residenza e l’opera, e la possibilità di arrivare fino ad un premio massimo di 23.000 euro.

Nel quadro di questo progetto di riscrittura ambientale, inoltre, è prevista la partecipazione di un artista internazionale proveniente dal network BJCEM, di cui il Comune di Parma è socio. L’artista verrà selezionato dalla Giuria composta da esperti, tecnici, operatori del settore e rappresentanti istituzionali, in base a una rosa di candidati proposta dai soci BJCEM. Un’occasione importante per offrire un respiro internazionale al progetto, grazie al supporto del network BJCEM e per promuovere, al contempo, le progettualità di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020 a livello euromediterraneo.

 

 

(26 novembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 




Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: