Home » Copertina Parma » A Parma l’edizione 2019 del Parma Film Festival – Invenzioni dal Vero. Tanti appuntamenti tra ospiti, anteprime, laboratori e mostre

A Parma l’edizione 2019 del Parma Film Festival – Invenzioni dal Vero. Tanti appuntamenti tra ospiti, anteprime, laboratori e mostre

di Redazione, #Parma twitter@parmanotizie #ParmaFilmFestival

 

Torna un’altra ambiziosa edizione – la seconda targata “Invenzioni dal vero” – del Parma film festival. Sarà una settimana di grande cinema quella che si terrà a Parma dal 3 al 9 novembre, con l’antipasto prestigioso di sabato 26 ottobre, che vedrà protagonisti di una masterclass e della presentazione del loro nuovo film Le jeune Ahmed i fratelli Dardenne.

Un programma ricco di ospiti davvero imperdibile per gli appassionati di cinema: uno dei film più attesi dell’anno, vincitore del Festival di Cannes, l’ultimo capolavoro di Martin Scorsese The Irishman; altro nome associato al famoso festival francese è quello di Ken Loach, di cui il festival di Parma offre l’anteprima del nuovo lavoro (nelle sale italiane a Gennaio) Sorry we missed you; spazio anche al grande regista italiano Gabriele Muccino, a Cristiano Travaglioli, montatore dei film di Paolo Sorrentino, e ai premiatissimi e acclamati autori de Il figlio e Due giorni, una notte, i fratelli Dardenne.

Un calendario fitto di appuntamenti, incontri e ovviamente grandi film: in programma diverse anteprime (in lingua originale con sottotitoli in italiano) di alcuni dei migliori e più attesi film della stagione 2019-2020: da La Belle époque (domenica 3 all’Astra), divertente e insieme struggente commedia francese sulla nostalgia, a The Irishman (lunedì 4 all’Astra), il film con cui Scorsese racconta cinque decenni di storia criminale riunendo sullo stesso set Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, da il sorprendente Parasite (martedì 5 al D’Azeglio), l’acclamato film coreano vincitore della Palma d’oro, a Sorry we missed you (giovedì 7 all’Astra) e Les Misérables (venerdì 8 all’Astra), rispettivamente il nuovo film di Loach e il potente debutto del francese Ladj Ly, pellicole che usciranno in sala solo nel 2020 e che gli spettatori potranno vedere con grande anticipo.

Tanti anche i volti del grande cinema che si alterneranno ai cinema Astra, D’Azeglio e Edison e negli altri luoghi del Festival: tra gli altri, oltre ai già citati Dardenne, premiati come migliori registi a Cannes 2019, Gabriele Muccino, ospite di un incontro pubblico domenica 3 novembre alle 16.30 all’Euro Torri, Cristiano Travaglioli (giovedì 7 e venerdì 8 al liceo Toschi), autore del montaggio di film come Il Divo e La grande bellezza, Lorenzo Mattotti, il grande illustratore che debutta nel cinema portando sullo schermo un libro di Buzzati, La famosa invasione degli orsi in Sicilia, Benedetta Barzini, icona della moda italiana e internazionale (mercoledì 6 novembre all’Edison), Matteo Rovere, regista di Veloce come il vento e Il primo re (martedì 5 novembre alle 14,30, al D’Azeglio), Carlo Sironi, regista debuttante dell’apprezzato Sole (lunedì 4 novembre).

Ma il Parma Film Festival è molte altre cose: in una settimana densissima, sarà possibile anche assistere a masterclass all’Università, workshop, presentazioni di libri (una di queste coinvolgerà anche l’attore Ivano Marescotti), retrospettive (due quest’anno: quella dedicata a Pietro Marcello e un’altra che prende in considerazione le pellicole di un autore maledetto, Claudio Caligari), film dedicati alle scuole e un concorso dedicato a progetti audiovisivi realizzati dagli studenti dei corsi offerti da diverse università italiane (master, scuole di alta formazione, laboratori) oppure prodotti o coordinati dalle istituzioni universitarie. A chiudere, sabato 9 novembre, l’inaugurazione della mostra “Incontri del mio privilegio” di Edoardo “Tobia” Fornaciari, che raccoglie alcuni scatti “cinematografici” del grande fotografo parmigiano.

Nel corso della presentazione del Festival, tenutasi giovedì 24 ottobre, sono intervenuti Michele Guerra, assessore alla Cultura del Comune di Parma, Primo Giroldini, presidente circolo Stanley Kubrick, Sara Martin, docente di Storia e critica del cinema dell’Università di Parma, e Filiberto Molossi, critico cinematografico e giornalista della Gazzetta di Parma, insieme ai rappresentanti delle realtà sostenitrici. Parma Film Festival – Invenzioni dal Vero è organizzato dal Comune di Parma insieme a Circolo del cinema Stanley Kubrick, Università di Parma, Solares Fondazione delle Arti, Officina Arti Audiovisive, Liceo Artistico Statale Paolo Toschi e con il contributo di Regione Emilia Romagna, Fondazione Monteparma, Chiesi, BPER Banca e Carebo, e come Media Partner Gazzetta di Parma.

Informazioni e programma completo: www.invenzionidalvero.it

 

 

(24 ottobre 2019)

@gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 




 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: