Home » Animali » Comune di Parma: No, all’abbandono!

Comune di Parma: No, all’abbandono!

di Redazione #Animali twitter@parmanotizie #Comune

 

L’ufficio Benessere Animale del Comune di Parma in occasione del Ferragosto coglie l’occasione per ricordare la terribile consuetudine dell’abbandono degli animali, pratica ingiustificabile che raggiunge l’apice proprio nel periodo estivo.

L’attenzione a questo esecrabile fenomeno deve essere costantemente alta – spiega  Nicoletta Paci Assessora al Benessere Animale del Comune di Parma – per cercare di prevenire e contenere la orribile pratica dell’abbandono di animali di proprietà. Oltre ovviamente a favorire l’adozione responsabile degli ospiti del nostro canile e del nostro gattile, ogni giorno purtroppo ci pervengono molte  a chiamate per ritrovamento di animali in stato di abbandono.  Nonostante sia un reato previsto dal codice penale (art.727) e nonostante nel 2004 con la legge 189, il legislatore abbia inserito nel nostro ordinamento giuridico una regolamentazione precisa (che prevede la pena dell’arresto fino a un anno per il reato di abbandono o l’ammenda da 1000 a 10000 euro) i casi sono tristemente in aumento. Gli animali sono esseri viventi non giocattoli di cui disfarsi. Sono compagni di vita che scegliamo di avere accanto e che per questo vanno rispettati. Io stessa ho adottato Virginia, vittima di un abbandono, e non potrei mai separarmene perchè membro della mia famiglia. Ho scelto di vivere con Virginia ed è una scelta fatta con responsabilità. Vi assicuro che quanto lei mi dà è molto più dell’impegno che mi richiede”.

Gli animali sono capaci di amore puro e instaurano fortissime relazioni affettive verso gli uomini. Una brutale interruzione produce in loro una fortissima disperazione assai simile a quella umana: l’abbandono è un destino di sofferenza e molto spesso di morte. Confusi, spaventati, nella quasi totalità dei casi sono vittime di investimento, di denutrizione, di pericoli continui. Il Comune di Parma invita i suoi cittadini in caso di individuazione di un cane o gatto  abbandonato a soccorrerlo: avvicinare l’animale in modo dolce, mantenendo un tono di voce rassicurante e tendendo la mano aperta dal basso. Dopo essere riusciti a toccarlo, occorre procurarsi qualcosa per evitarne una nuova fuga (una cintura o una corda possono diventare dei collari e dei guinzagli improvvisati ma utili alla causa e una scatola con buchi per l’aria un trasportino improvvisato per i gatti). Bisogna quindi avvisare il nostro numero del Polo Integrato Animali d’Affezione che ha reperibilità  h24  (334 3634694) per il recupero dell’animale ed il suo trasferimento in struttura.

Su autostrade o strade statali e provinciali va contattato il 112. Per gli animali feriti l’ospedale veterinario universitario di Parma ha un servizio con reperibilità 7 giorni su 7 e h.24. ( 0521-032837). È importante ricordare ai proprietari l’obbligatorietà dell’identificazione del proprio cane. In particolare ai cuccioli, prima di essere ceduti a terzi, va inserito il microchip ad un costo irrisorio. Si consiglia, infine, la sterilizzazione del proprio animale domestico in modo da scongiurare l’abbandono delle cucciolate, prevenire il randagismo e contrastare il mercato nero di animali.

Per le adozioni al canile/gattile del Comune si ricorda che si possono contattare i numeri 0521218595 | 0521218779 oppure scrivere a benessere.animale@comune.parma.it. Per gli orari visitare il sito http://www.comune.parma.it/benessereanimale.

 

 

(13 agosto 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 


 

 

 

 




 

Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: