27.9 C
Parma
martedì, Maggio 24, 2022
Pubblicità

Marco Pannella e l’eredità politica ….

Ultimi articoli

Share

di Marco Maria Freddi

Caro Direttore,

non mi stupisce ciò che sta accadendo attorno alla cosiddetta “Fondazione Marco Pannella”, per quanto mi riguarda il Partito Radicale è morto con Marco e Marco lo abbiamo seppellito al congresso di Rebibbia.

Il filo che ancora mi lega alla storia Radicale è rappresentato dall’impegno dei tanti compagni della Galassia Radicale che ogni giorno, ognuno a modo suo, si fanno corpo della nostra storia. Ciò che è accaduto nel Partito Radicale in relazione ai quesiti referendari è davvero qualcosa di grave, di doloroso, così come la costituzione della “Fondazione” e la proprietà esclusiva di una eredità per pochi, pochissimi; ma non mi stupisco di nulla, tutto ciò era chiaramente nelle cose da prima che Marco si ammalasse e questa è l’unica cosa che gli rimprovero.

La celebrazione della storia del Partito e di Marco avrebbe voluto vedere un segretario di partito capace di raccogliere attorno ad un obbiettivo, i referendum sulla giustizia, l’intera Galassia, Galassia impegnata nella raccolta referendaria su Eutanasia e Legalizzazione. Ma l’avversione del segretario del neo Partito Radicale per i “diversamente” Radicali ha preso il sopravvento e ha fatto scegliere al “segretario” un accordo con il peggio della Storia politica Italiana rappresentata dal partito dell’odio xenofobo, razzista, antiatlantico e fintamente europeista, rappresentato dalla Lega. Di questo taxi, fintamente guidato da un improbabile leader, ne avremmo fatto davvero a meno.

Il leader segretario del Partito Radicale, che delle firme non presentate se ne è lavato le mani per il bene del referendum, ha forse semplicemente pensato che l’accordo gli avrebbe garantito tre secondi di visibilità mediatica – mi spiace che il solito Marco Beltrandi sia stato esposto a piangere sul piagnone silenziamento cui nessuno più crede, mi domando perché l’inverosimile segreteria Radicale non chieda al suo socio referendario, Matteo Salvini, che tutti i giorni è in televisione e su tutti i media, del perché non parli di referendum o non inviti l’improbabile segretario Radicale ai talk show patriottici.

Ciò che accade era scritto e Rita Bernardini, simbolo della disobbedienza civile Radicale esclusa dalla Fondazione Pannella, la cartina di tornasole di quanto era già scritto, senza stupirmi di nulla mi chiedo se i Radicali, memori di quanto detto da anni da Gianfranco Spadaccia, abbiano il coraggio e la forza politica di riappropriarsi del Partito, divenuto cosa personale, personalissima.

Ricordo l’ultimo comitato nazionale di Radicali Italiani con Marco Pannella a Torre Argentina, dove, piangendo, chiedeva ai Radicali di rimanere uniti, purtroppo, i più lesti, hanno approfittato di un uomo anziano e le cose sono andate come sono andate.

Come sempre la realtà diventa se la nostra volontà esiste e se esiste, che i Radicali si facciano corpo dell’eredità che appartiene a tutti coloro che corpo sono stati.

 

 

(9 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: