Home » Copertina Parma » Parco Cittadella: cronaca di una morte annunciata? Il comunicato di Parma in Centro

Parco Cittadella: cronaca di una morte annunciata? Il comunicato di Parma in Centro

0Shares

di Redazione #Parma twitter@parmanotizie #ParcoCittadella

 

Ieri pomeriggio, 29 settembre, si è tenuto un consiglio comunale sul Parco Cittadella dal quale sarebbe emersa l’intenzione del Comune di Parma di cambiare la destinazione d’uso del parco per adibirlo a parco per eventi.

Il comitato “Parma in Centro” ci invia a questo proposito, un comunicato stampa che pubblichiamo di seguito.

Cronaca di una morte annunciata”, questo sarebbe il titolo più appropriato per definire l’effetto devastante dell’era pizzarottiana sulla città di Parma.

Dopo aver provocato la morte e il degrado del centro storico, con scelte scellerate assunte nell’assoluto spregio delle istanze dei suoi cittadini, ora tocca al quartiere Cittadella.

L’uragano Federico, si sta dirigendo in modo inesorabile sul nostro parco cittadino, destinato da sempre ad avere una vocazione sportiva e di divertimento per i nostri ragazzi. Con una progettazione assai lacunosa, e con poche idee chiare in testa, si vorrebbero spendere milioni di euro dei contribuenti per trasformare il parco in un luogo per eventi…concerti, mercatini, spettacoli di vario genere con cementificazione delle bassure della cittadella al fine di destinarle a parcheggio. Ancora una volta la nostra amministrazione dimostra di voler rivolgere la propria attenzione solo ai visitatori della città a scapito delle esigenze dei suoi abitanti (che sono poi coloro che pagano le tasse).

Tra volute reticenze, un faremo e non faremo, sposteremo e non sposteremo, costruiremo e non costruiremo.

Si ha la sensazione di una totale mancanza di un progetto chiaro e di capacità gestionali da parte di un amministrazione che finirà col distruggere   uno dei pochi quartieri residenziali ancora non intaccato dalla delinquenza e dal degrado.

 

(30 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata





 

 

 

 




0Shares

Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: