35.5 C
Parma
martedì, Luglio 5, 2022
Pubblicità

La Polizia Locale di Parma si dota dello strumento di contenimento da remoto Bolawrap

Ultimi articoli

Share

di Redazione Parma

Anche a Parma, dopo essere stato sperimentato da altri Comuni italiani arriva il bolawrap: un nuovo strumento non-lethal in grado di immobilizzare (senza provocare danni fisici) malviventi o persone pericolose per sé stesse e gli altri che sarà in dotazione agli agenti di Polizia Locale.

Il bolawrap non è un’arma, ma un dispositivo di contenimento “da remoto”, consistente in un laccio in kevlar (una fibra sintetica dotata di grande resistenza meccanica alla trazione) che viene lanciato verso le gambe o il tronco del soggetto con l’effetto di ottenere una legatura efficace, che ne impedisce qualsiasi ulteriore movimento: alle estremità del laccio ci sono due ancorette che si attaccano agli indumenti e più la persona si muove più la corda si stringe grazie ai due ganci.

Lo strumento, realizzato da un’azienda hi-tech di Las Vegas, è dotato anche di un laser guida per la mira e di una cartuccia a salve, che garantisce la proiezione del “bola” alla velocità di oltre 150 metri al secondo fino ad una distanza di 6 – 7 metri. Da aprile, e per tre mesi, la Polizia Locale di Parma inizierà la sperimentazione con i primi 5 strumenti in dotazione ai reparti territoriali e di pronto intervento, impiegati in servizi di sicurezza urbana e TSO. Il Bolawrap è già utilizzato in oltre 40 nazioni nel mondo, in particolare negli Stati Uniti dove è in dotazione alle anche alla polizia di Los Angeles, e in Italia alla Polizia Locale di Genova. Lo strumento è stato presentato in mattinata in conferenza stampa dall’Assessore alla Sicurezza Cristiano Casa, dal Comandante della Polizia Locale Michele Cassano e da Jags Gill vicepresidente Wrap International Sales ditta produttrice dello strumento collegato da remoto. Durante la presentazione si è tenuta anche una dimostrazione pratica del suo utilizzo.

“Abbiamo deciso di dotare la Polizia Locale di Parma di questo strumento di autotutela: siamo il primo comune in Emilia Romagna a sperimentarlo. È estremamente efficace nell’immobilizzazione di persone pericolose, a distanza, e senza provocare danni fisici. Siamo sicuri che accrescendo le dotazioni di sicurezza della Polizia Locale saremo in grado di aumentare la percezione di sicurezza delle parmigiane e dei parmigiani. Se la sperimentazione darà esiti positivi, come si ipotizza, doteremo il Corpo di Polizia Locale del Bolawrap”, ha commentato l’Assessore Cristiano Casa.

“La sperimentazione sarà preceduta dalla formazione di una decina di tra ufficiali e agenti, che a loro volta saranno i formatori interni dei reparti quando lo strumento sarà dotato a regime. Non solo Bolawrap ma anche altri strumenti di autotutela sono in arrivo per i nostri agenti. Nel mese di aprile partiamo con la formazione di difesa personale degli agenti della SO Proiezione Esterna al fine di dotare i reparti del “bastone estensibile”, seguendo le disposizioni del Ministero degli Interni e della Legge Regionale di Polizia Locale, così come modificata nel 2018.” ha illustrato il Comandante Michele Cassano.

Jags Gill vicepresidente Wrap International Sales ditta produttrice dello strumento collegato da remoto, in collegamento dall’Inghilterra, ha esposto le caratteristiche dello strumento e le innovazioni che porta in termini di sicurezza: ”Parma è la prima città in Emilia Romagna che si dota di questa strumentazione e siamo davvero felici di collaborare e che i nostri strumenti possano essere di supporto al Corpo di Polizia Locale”.

 

(31 marzo 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata





 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: